Esercizi spirituali per adulti 2017

13-17 febbraio 2017 - Guidati da S.E. Mons. Dino De Antoni, Arcivescovo emerito di Gorizia.

 

Consulta il programma degli Esercizi Spirituali 2017

 

 

 

Gli Esercizi spirituali nella vita corrente

 

  • Gli Esercizi spirituali nella vita corrente fanno parte degli adattamenti sperimentati già da sant’Ignazio di Loyola (che li ha ideati) e da lui stesso inseriti tra le diverse modalità previste dal suo libretto di Esercizi spirituali. Possono essere svolti in modo personale o in gruppo ma devono sempre includere le istruzioni sulla preghiera e sul discernimento, i passi biblici e l’accompagnamento personale.


    Oggi questa è la forma di esercizi più diffusa tra i laici e gli studenti. È preceduta da un incontro personale con la guida, nel nostro caso il Vescovo Dino De Antoni.


    Gli esercizi di S. Ignazio sono una delle esperienze più belle, travolgenti e trasformanti che si possano fare dal punto di vista spirituale. E come tutte le esperienze belle è impegnativa. Chiede. Chiede di donare del tempo a questo per scoprire che non è l’aspetto più difficile. Chiede di donare attenzione, o meglio: il cuore. E questa è la cosa più difficile. S. Ignazio è un finissimo psicologo, per cui se si segue fedelmente le sue prescrizioni si possono fare passi da gigante nella vita spirituale. Forse si dovrà scoprire che ci sono cose molto piccole e molto semplici che ci rifiutiamo di fare. Ma anche questa è un’esperienza importante della vita spirituale: primo, non raccontarsela!


    Questi esercizi sono strutturati per un’ora di predicazione al giorno a cui ognuno aggiungerà il tempo che ha a disposizione per la meditazione. Sant’Ignazio prevedeva un’ora al giorno ma non è necessariamente obbligatoria se uno non ce la fa. Un “ignaziano famoso”, ovvero il gesuita papa Francesco afferma: “Mi arrabbio molto quando sento dire che gli Esercizi spirituali sono ignaziani solamente perché sono fatti in silenzio. In realtà gli Esercizi possono essere perfettamente ignaziani anche nella vita corrente e senza il silenzio.” 


    Comunque S. Ignazio era esigente. E c’è una ragione: aprire in una giornata di 24 ore un varco di tempo dedicato al silenzio equilibra la giornata. Si possono apprezzare i risultati della vita spirituale solo se si dà tempo alla vita spirituale: se non le diamo tempo è come se volessimo essere intenditori di musica senza dare tempo all’ascolto. Sopra una certa soglia, la preghiera cambia la vita.


    Comunque, in attesa della perfezione, ognuno inizi il suo cammino per quello che sarà in grado di fare. Il Signore lo raggiungerà e lo ricompenserà.

 

 

 

Riascolta gli interventi...

 

Lunedì 13 febbraio 2017 - "Il senso e la finalità degli Esercizi Spirituali"

 

 

 

Martedì 14 febbraio 2017 - "Il discernimento spirituale nelle scelte della vita"

 

 

Mercoledì 15 febbraio 2017 - "L’impegno comunitario per la vita di ogni giorno"

 

 

 

Giovedì 16 febbraio 2017 - "Il difficile mestiere dei genitori"

 

 

 

 

Stiamo aggiornando la pagina con gli audio di tutte le serate:
tornate a visitarci per gli audio delle serate successive...

 

 

 

 

 

Temi degli Esercizi Spirituali degli anni scorsi

2015: "Ne scelse dodici perché stessero con lui" (cliccare qui per tutti i materiali delle serate)

2016: "I Passi della Misericordia" (cliccare qui per tutti i materiali delle serate)

 

 

 

Che cosa sono gli esercizi spirituali?

  • Una settimana in cui prendersi cura della propria interiorità.
  • Uno strumento ed un itinerario per scendere nella profondità di noi stessi.
  • Un aiuto per mettere ordine nella nostra esistenza.
  • Un'esperienza di incontro con il Signore.
  • Un aiuto per mettere ordine nella nostra esistenza.
  • Un tempo intenso di ascolto della Parola di Dio.
  • Un momento per ritrovare o per rinforzare il dono della fede.
  • Una luce per scoprire la volontà di Dio su di noi.
  •  

     

     

     

    Per vivere gli esercizi spirituali...

    … è necessario ridurre gli impegni, mettere da parte almeno un po' le preoccupazioni. Lasciare ciò che è urgente per dare spazio a ciò che è importante… anche la dimensione spirituale di una persona ha bisogno di esercitarsi, di allenarsi, di mantenersi viva, crescere e rinnovarsi nel tempo.

    Come il corpo ha bisogno di cure, così lo spirito. Altrimenti recede l'entusiasmo, la convinzione della fede, il piacere della preghiera e la percezione della presenza di Dio.

    Per permettere a tutti di partecipare, durante la settimana dal 13 al 17 compreso, tutte le attività ordinarie di catechesi, prove di canto, incontri… (escluse le celebrazioni) saranno sospese.

     

     

     

     

    Come sono organizzati?

    Ogni giornata prevede un incontro di gruppo e un tempo personale. L'incontro quotidiano di gruppo avviene in Parrocchia con la Guida degli esercizi, Mons. Dino De Antoni. Ogni incontro dura circa un'ora.

    Lo "schema" dell'incontro prevede:

    1. Breve preghiera iniziale

     

    2. Meditazione

    La Guida propone una riflessione intensa, semplice e chiara, a partire da una pagina biblica. Il metodo è introspettivo, aiuta, cioè, a guardarsi dentro con gli occhi di Dio e ad ascoltare con la sua attenzione tutto ciò che il nostro cuore chiede.

     

    3. Istruzione

    La guida spiega come continuare la ricerca personale e dà indicazioni su come ascoltare la volontà di Dio su di noi.

     

    4. Approfondimento e contemplazione di icone a mosaico sul testo meditato

    La Guida ci indicherà su una scheda come trasformare in esperienza personale i punti della meditazione.

     

    Durante la giornata ci sarà la possibilità di confessioni e dialogo spirituale. Mons. Dino De Antoni e i sacerdoti saranno disponibili ogni giorno negli orari che saranno affissi in duomo e comunicati negli incontri.

     

     

     

     

    Untitled Document